Fichier PDF

Partage, hébergement, conversion et archivage facile de documents au format PDF

Partager un fichier Mes fichiers Convertir un fichier Boite à outils PDF Recherche PDF Aide Contact



gazzetta 20120212.pdf


Aperçu du fichier PDF gazzetta-20120212.pdf

Page 1 23448

Aperçu texte


2

LA GAZZETTA SPORTIVA

DOMENICA 12 FEBBRAIO 2012

SERIE A ANTICIPO 23a

4

I NUMERI

45

I gol
rossoneri
Il Milan, con le
due reti di ieri al
Friuli, è a quota
45 gol in
campionato.
Nessuno ha
fatto meglio
della squadra di
Allegri; la Lazio,
seconda, ne ha
segnati 37.

13

successi
del Milan
al Friuli
I rossoneri
hanno vinto la
prima partita di
Serie A a girone
unico in casa
dell’Udinese il
23 novembre
1952.

4

le reti
rossonere
di El
Shaarawy
Il «Faraone» ha
firmato due gol
in campionato
(aveva segnato
il primo sempre
contro l’Udinese
nel pareggio di
San Siro
all’andata) e
altrettanti in
Coppa Italia.

1

la vittoria
del Milan
con le big
(intese come le
prime sei).
Prima di ieri i
rossoneri non
c’erano mai
riusciti: sconfitti
da Juventus,
Lazio, Inter e
Napoli, pari
all’andata con
Lazio e Udinese.

DAL NOSTRO INVIATO

LUIGI GARLANDO
UDINE

A metà partita, il Diavolo
era sprofondato in un inferno
di ghiaccio: sotto di un gol nel
gelo di Udine, a 7 punti virtuali
dalla Juve (attribuendole due
vittorie nei recuperi) e senza la
possibilità di aggrapparsi a
Ibrahimovic, il totem. A partita
finita invece il Milan gongolava come se Udine fosse ai Caraibi: 2-1 grazie ai gol di Maxi Lopez, su azione di El Shaarawy,
e di El Shaarawy, su assist di
Maxi Lopez. Partita rivoltata
come un calzino. Gol nuovi e
un promettente progetto di
coppia, per vincere la nostalgia
di Ibra. Vittoria ritrovata dopo
due sconfitte e un pari, su un
campo quest’anno inviolato:
l’Udinese ci aveva vinto 10 partite su 11, la Juve al massimo
aveva strappato uno 0-0. Quindi uno sgarbo indiretto alla Signora, superata in classifica:
sorpasso virtuale ma psicologicamente pesante. Tutto bene?
Solo Ambro No, perché il calcio

è anche prestazione. Il Milan
per un’ora ha giocato male.
L’inesperienza dell’Udinese ha
agevolato la rimonta. Amelia è
stato prodigioso. Il primo tempo è la cosa più brutta dell’era
Allegri. La lentezza della manovra evidenziata contro Napoli
e Juve è stata ulteriormente

Rossoneri male
per un’ora poi
decidono i cambi,
anche quelli
forzati di Guidolin
esasperata. Sembrava impossibile. Il Milan non sa più far salire la palla, sembra che giochi
in salita. Emanuelson frulla le
gambe, ma a vuoto. Seedorf,
trequartista, è piantato a terra
come il saraceno delle giostre e
riporta il 100% di appoggi sbagliati, in gara con Robinho, che
si annoda in dribbling inutili.
Abate e Mesbah non spingono
mai. Ambrosini, che aveva invocato più cattiveria, è il solo
che ce ne mette, con Nocerino
che però non è portato a dettare, ma a imbucarsi su inviti illuminati. Sì, ma di chi? Ibra è a
casa con le mani in mano.
Comanda Udine Senza Gulliver
Ibra, i rossoneri sembrano lillipuziani sperduti. Senza la possibilità di spararla verso lo svedese, sperando che la metta
giù e si inventi qualcosa, manca la principale via di fuga in
questa bonaccia creativa. Si vede che il giovane El Shaarawy
avrebbe voglia di correre e divertirsi, anche per scaldarsi,
ma nessuno è in grado di fargli

E’ MAXI
MILAN
L’argentino entra
e cambia la storia
Gol, assist, primato
Rimontona a Udine senza Ibra: Lopez e
El Shaarawy rispondono a Di Natale: 2-1.
Scavalcata la Juve che ha 2 gare in meno
UDINESE

MILAN

1

2

(3-5-1-1)
Handanovic; Benatia, Danilo, Domizzi; Basta, Abdi, Pazienza (dal 43’ s.t. Torje), Fernandes, Armero; Isla (dal 16’ s.t. Pasquale); Di Natale (dal 31’ s.t. Floro Flores).

(4-3-1-2)
Amelia; Abate, Mexes, Thiago Silva, Mesbah; Emanuelson, Ambrosini, Nocerino
(dal 22’ s.t. Maxi Lopez); Seedorf; Robinho (dal 43’ s.t. Bonera), El Shaarawy.

PANCHINA Padelli, Coda, Ferronetti, Pereyra.

PANCHINA Roma, Cristante, Zambrotta,
Antonini, Inzaghi.

ALLENATORE Guidolin.

ALLENATORE Allegri.

ESPULSI nessuno.

ESPULSI nessuno.

AMMONITI Armero per c.n.r,, Abdì per gioco scorretto.

AMMONITI Ambrosini, Thiago Silva per
gioco scorretto.

GIUDIZIO 777

PRIMO TEMPO 1-0

pervenire il giocattolo. Preso atto che il Milan è questo, l’Udinese non deve neppure arroventare il pressing: la mediana a 5 si
spalma davanti alla difesa e la
palla gli casca in braccio come
la mela di Newton. La variante
di Guidolin (Abdi interno, Isla
più avanti in appoggio a Di Natale) funziona, perché Abdi si
batte bene in interdizione e
Isla, che ha buon istinto offensivo, s’intende meglio con Di Natale. L’Udinese non alza il ritmo e non cerca ripartenze assatanate, come usa, sembra convinta che basti attendere per fare gol a questo Milan. Infatti.

MARCATORI Di Natale (U) al 19’ p.t.; Maxi Lopez (M) al 32’, El Shaarawy al 40’ s.t.

Totò 17 Se contro Inter, Lazio e

ARBITRO Bergonzi di Genova.

Juve è stato infilzato da ripartenze, stavolta il Milan riesce a
prendere gol a difesa piazzata:
19’. Il triangolo scolastico che
manda in gol Di Natale sotto lo
sguardo vuoto di Mexes dimostra che l’appello di Allegri a
una maggiore attenzione è caduto nel
vuoto. Gol numero 17 di Totò, la metà esatta dell’Udinese: tutti in piedi. Due telefonate di Seedorf e Mexes non possono essere considerate pericoli. Significa che per un tempo,
il Milan non crea nulla. Ma la
ripresa, a sorpresa, spalanca
un altro mondo, che inizia al
16’ con l’uscita in barella di

NOTE Spettatori 7.499, incasso 215.646 euro; abbonati 14.871, quota abbonati non comunicata. In
fuorigioco 5-0. Angoli 11-3. Recuperi: p.t. 2’; s.t. 4’.

POSSESSO PALLA

UDINESE 39%

PASSAGGI POSITIVI

MILAN 61%

TIRI IN PORTA

IIIIII
UDINESE 6

UDINESE 69%

MILAN 80,5%

TIRI FUORI

IIII IIIIII
MILAN 4

MOMENTI CHIAVE
PRIMO TEMPO
c GOL! 19’ Di Natale triangola con
Fernandes e batte Amelia, ingannato
da una deviazione di Thiago Silva.
24’ Diagonale di Fernandes, Amelia
para a terra.
35’ Ripartenza, Isla a Di Natale che
allarga il diagonale.

UDINESE 6

II
MILAN 2

SECONDO TEMPO
c GOL! 32’ El Shaarawy calcia da
sinistra, Handanovic respinge, tap in di
Maxi Lopez.
34’ L’Udinese pasticcia, Robinho sfiora il
gol.
c GOL! 40’ Maxi Lopez scappa a destra,
centra per El Shaarawy che gira in rete.

S
Stephan
El Shaarawy,
19 anni,
12 presenze e 2
gol in questo
campionato
con il Milan
LIVERANI

Isla, uno dei migliori. Con Pasquale, l’Udinese, più stanca e
più prudente, si schiaccia ulteriormente alimentando l’orgoglio del Milan. L’infortunio di
Di Natale sgretola altre sicurezze. L’ingresso di Maxi al 22’ per
Nocerino è il secondo atto del
nuovo mondo.
Maxi Milan Il Diavolo tenta il

tutto per tutto. L’Udinese si
lascia ingolosire e fiuta la ripartenza del k.o. che infatti
Armero e Domizzi sfiorano. Amelia si supera anche su Danilo. Ma i friulani si sporgono troppo
per afferrare i tre punti e
cadono dalla finestra. Il Milan
colpisce due volte in contropiede con Maxi Lopez (32’) ed El
Shaarawy (40’). Maturità significa anche accontentarsi di un
1-1 con i campioni d’Italia, se
sei in difficoltà, e non andare a
saltare in massa su un calcio
d’angolo per poi ritrovarti nudo sulla ripartenza: l’Udinese
imparerà e crescerà ancora. Il
Milan è vivo e felice, ha ritrovato la vittoria, grazie a Maxi Lopez, l’eroe del giorno arrivato
dal mercato. Altro messaggio
alla Juve: mica c’è solo Caceres... Qui Udine, Caraibi: il Diavolo ghigna. Ma contro l’Arsenal è meglio che non giochi come ha fatto per un’ora al Friuli.
© RIPRODUZIONE RISERVATA