Fichier PDF

Partage, hébergement, conversion et archivage facile de documents au format PDF

Partager un fichier Mes fichiers Convertir un fichier Boite à outils PDF Recherche PDF Aide Contact



Un ranocchio in fondo alla gola.pdf


Aperçu du fichier PDF un-ranocchio-in-fondo-alla-gola.pdf

Page 1 2 34540

Aperçu texte


Ignorando che finivo per raggiungere il peggio, in tutte le circostanze della piccola
infanzia di una piccolissima bimba solitaria. In quell'epoca, vagabondavo nel
giardino, sempre col ranocchio virtuale in fondo alla gola, raccontandomi storie
farfalline e, a volte, anche cupe.
Nella mia dimora, solo la nonna era rassicurante, Lei aveva i capelli radi come certi
uomini che perdono i capelli precocemente, aveva pieno di peli il mento, cosa che
m'intrigava. Se la questionavo, la sua risposta era invariabilmente e sempre la stessa:
- Vedrai quando sarai vecchia anche tu.....;
Frase che non capivo cosa volesse dire. A volte, quando mia madre riceveva le sue
amiche e le loro bimbe, e le mamme di queste, si mettevano a misurarci, a chiedersi e
a farmi mille domande, mentre l'angoscia, a forma di ranocchia, ostruiva la mia gola;
la mia mamma diceva:
-è vero! La mia Carmelina è più grande d'età, ed io, insistentemente, come se fosse un
tic congenito, sentivo rimontare la ranocchia. Che fosse ritornata?
Mi toccavo il mento, per vedere se mi stessero spuntando i peli come nonna. Mentre
la mia mamma:
- Smetti di grattarti il mento! Certo che quella storia di peli sul mento era colpa di
nonna che mi trasmetteva quella paura.
No! Io non giocavo mai. L'impresa avrebbe richiesto un grande sforzo che sapevo
inutile in partenza e anche al disopra delle mie forze.
Visibilmente, tutti, indistintamente, si aspettavano, da parte mia, che m'occupassi a
giocare per tutta la lunghezza del giorno, come era d’obbligo a 4 anni, ma la cosa non
sarebbe stata possibile, visto che le mie tenere gambe m'invitavano a posare il culetto
per terra. Avrei voluto contentare tutti, ma non sapevo mentire e non conoscevo
ancora le matite colorate e nemmeno gli acquarelli. Scoperta che sarebbe accaduta,
più tardi, quando un collega di mio padre, m'avrebbe offerto la mia prima scatola di
matite multicolori per la quale la mia meraviglia non si sarebbe dissipata mai. Piccola
e ancora inesperta e turbata, mi lasciai conquistare dall'odore dei pastelli, misto a
quello del dolce legno che rivestiva quel mare di colori. E quando entrai in
possessione del mio primo tempera matite, immergevo senza tregua, il mio nasino nei
trucioli per inebriarmene come se fosse una droga al tempera matite e per sentire lo
scricchiolio dei legnetti e restare, con la segatura, sempre con l'orecchio incollato alla
temperata, nel fondo della mia manina, e poi nelle tasche del mio grembiulino,
oppure tra le pagine del mio grande alfabeto.
- Ma lo vedete che non sa giocare? Diceva mia madre che un giorno mi regalò una
vecchia agenda delle poste italiane, sulla quale, incominciai a pasticciare il massimo
dei colori, con la mia forza d'urto. Avevo fatto il mio primo quadro, che vedendolo, il
collega di mio padre, disse:
-Come è bello! I colori piovono come vacca che piscia!
3