Fichier PDF

Partage, hébergement, conversion et archivage facile de documents au format PDF

Partager un fichier Mes fichiers Convertir un fichier Boite à outils PDF Recherche PDF Aide Contact



Ora una casa ce l'ho.pdf


Aperçu du fichier PDF ora-una-casa-ce-l-ho.pdf

Page 1 2 345253

Aperçu texte


E un giorno di quelli che Dio, non era passato ancora da Raddusa, sbarcarono a Porto
Alegre; Lì, tutto era grande, perfino il Rio do sol, che sembrava un immenso mare,
con isole in mezzo al fiume. I volti dei nostri avi si trasformarono; la lingua siciliana
e quella portoghese del Brasile, s'imbrigliarono i pennelli e divenne Babilonia.
Parlare la lingua italiana, oppure il brasiliano, niet! Il crogiolo dei tanti dialetti,
imbastardiva persone e parole. Vedi l'esempio di Catania che, solo nella sua provincia
, a distanza di dieci kilometri, c'erano una ventina di parlate dialettali, incomprensibili
tra loro.
Se avessi immaginato quello che sarebbe capitato ai miei, nelle terre della samba e
del carioca, avrei tentato la qualunque per cambiare il corso della loro storia; ma
essere non si può, più di una volta. Nonno e i suoi ragazzi, più grandi, piegarono la
schiena: pala, zappa e coffa, c'era solo l'imbarazzo della scelta. Nonno Cristofaro era
malato e per non autodenunciarsi, si finse in piena salute, per far credere che non li
avrebbe abbandonato mai! Ma a 53 anni, sarebbe morto lo stesso, incazzato fradicio
e con l'amaro in bocca. ..Ma tutto questo lo potrete leggere in vecchie Cicatrici.

Nella casa dei miei ultimi gesti…
Ora che ciò una casa, un giardino e un piatto di pasta, posso raccontare:
La notte, a qualsiasi ora, sono sveglio e aspetto l'alba, mentre il buio va, viene e
spesso tace,

si spengono le luci del vicolo dei Platani che attirano i merli

chiacchieroni e le tortorelle innamorate; ultimo ospite ad arrivare, quando apro gli
infissi, è lui, il passero che non è certo solitario e fa l'equilibrista su di un isolatore
telefonico, cinguetta, cip - cip, per reclamare le molliche di pane che ora
abbondano sulle tavole di ricchi e, a volte, anche in quelle dei poveri; tutte le
mattine di questa mia stanca vita, quelle molliche e qualche vecchia brioche, le
immergo nel latte e li poso sul davanzale. Il vicolo è un micro-universo, una
piccola città, dove ci sono: 7 famiglie, 4 fisse e 3, come seconda casa, la mia
cagna, quella del vicino, i miei due gatti sterilizzati che se non si amano e si
3