Fichier PDF

Partage, hébergement, conversion et archivage facile de documents au format PDF

Partager un fichier Mes fichiers Convertir un fichier Boite à outils PDF Recherche PDF Aide Contact



Ora una casa ce l'ho.pdf


Aperçu du fichier PDF ora-una-casa-ce-l-ho.pdf

Page 1 2 3 456253

Aperçu texte


azzuffano, è solo per colpa nostra che li abbiamo fatto operare. Ora sono, l'uno
scoglionato e l'altra, con le trombe legate. Questa loro condizione e le loro diatribe
gli fanno trascurare le ragioni della loro presenza sulla terra:
Nel mio terreno ci sono talpe che arano il prato verde, facendo monticelli come i
castori, non nell'acqua ma nella terra, trasferendosi da un giardino all'altro senza
che i gatti riescano ad acchiapparli, eppure le talpe sono cieche e non dovrebbe
essere difficile incaprettarle.
In cucina c'è un nuovo inquilino, un topolino che non è mio e che la gatta mi ha
portato in casa per farmelo vedere,come se fosse una razza sconosciuta e
sacrificarmelo per una scodella di crocchette di cereali, ma le cose non vanno così,
ora mangiano nella stessa ciottola, frequentandosi; Due mesi sono passati, ed è
ancora vivo; questo topolino abita dietro la latta della spazzatura, sotto il
lavandino, ha costruito un tetto nei bassifondi della mia cucina: un tovagliolino di
carta ridotto in coriandoli, una crosta di pane, due foglie di carciofi e via col tango;
gli ho sfasciato il nido, l'ha ricostruito, ho comprato e preparato una trappola a
misura di (Suricillo), formaggio pecorino e vai, ancora una volta col tango; questa
mattina ho aperto lo sportello dell'abbaino, il formaggio e il topolino non c'erano
più, la gatta passa e spassa nervosamente, miagolando con ansia. L'altro gatto,
prima che me l'appioppassero, viveva in un appartamento senza topi e quindi, non
sa come sono fatti; Lui non s'immischia, ma vorrebbe vedere come finirà tra me, il
topo e la gatta, sul tetto che non scotta. Nel vicolo e nel villaggio non sono i topi
che mancano e la mia gatta non sempre li prende, per lei sono stupidi e muoiono
facilmente; passo i giorni a raccoglierli un po' dappertutto, a causa di lei che, di
tanto in tanto, mangiandoli o storpiandoli, spesso, me li lascia squartati come dal
macellaio, senza testa, o solo la coda, ma qualche topolino scafato( istruito),
arrivato da un altro pianeta, fingendosi morto, appena la gatta, stanca di giocare,
l'abbandona a se stesso, questa/o quello, scampato a quel triste destino dei topi.
Si drizza sulle zampine, si riordina, riprende fiato e insalutato ospite, ritorna a
4